Da oltre 40 anni, sempre in movimento.

Incentivi auto, con il disegno di legge sostegni bis in arrivo 300 milioni

“Con 300 milioni di finanziamento tornano fino al 31 dicembre gli incentivi per l’acquisto di veicoli euro 6 o elettrici.”

213 sì, 28 no e un astenuto: è stato questo il verdetto sul disegno di legge Sostegni Bis votato al Senato. Si tratta di circa 50 interventi mirati e finalizzati a sostenere i settori più colpiti dalla crisi economica provocata dal Covid-19.

Tra le altre misure, il provvedimento contiene anche una nuova, robusta, iniezione di incentivi per il settore auto. I finanziamenti sono erogati con un duplice obiettivo:

  • sostenere le imprese e i lavoratori che operano nella distribuzione automobilistica, fortemente colpiti dalla crisi conseguente alla pandemia;
  • aiutare la transizione ecologica.

In particolare, dei 300 milioni destinati al rifinanziamento degli incentivi auto, 260 sono destinati alle auto nuove, 40 a quelle usate e 50 ai veicoli commerciali leggeri. 

Un intervento atteso da tempo mirato a rimettere in moto le compravendite dei veicoli meno inquinanti e più ecologici.

L’iniziativa del governo scadrà formalmente il 31 dicembre, ma si interromperà anticipatamente nel caso in cui i fondi si esauriranno prima.

200 milioni nella fascia 61-135

Per quanto riguarda le auto nuove, 200 milioni rifinanziano il fondo destinato anche alle auto a basse emissioni, ossia con CO2 compresa tra 61 e 135 g/km e prezzo di listino fino a 40 mila euro (compresi accessori ma escluse Iva, Ipt e messa su strada).

Questo fondo viene erogato solo con la rottamazione di un’auto immatricolata da almeno dieci anni.

Extrabonus: previsti 60 milioni

Altri 60 milioni degli incentivi auto previsti per il 2021 verranno destinati alle auto con emissioni fino a 60 g/km con prezzo di listino non superiore a 50 mila euro (compresi gli accessori, ma escluse Iva, Ipt e messa su strada).

Ricordiamo che l’extrabonus si aggiunge all’ecobonus solo se la concessionaria prevede uno sconto minimo di mille euro (se non c’è la rottamazione) e di 2 mila euro se, invece, il cliente ha una macchina da demolire.

Incentivi auto: 40 milioni sull’usato Euro 6

Gli ultimi 40 milioni di euro previsti per gli incentivi statali auto saranno destinati all'acquisto di auto usate Euro 6 con quotazione media di mercato non superiore a 25 mila euro.

Per accedere all’incentivo statale occorrerà rottamare una vettura:

  • immatricolata prima del gennaio 2011 (o che comunque superi i dieci anni di vita nel periodo in cui si sfrutta l'agevolazione statale);
  • intestata all'acquirente dell'auto usata o a un suo familiare convivente risultante da stato di famiglia da almeno 12 mesi.

Incentivi statali auto: la variazione a seconda delle emissioni

I contributi statali sono riservati alle sole persone fisiche e varieranno a seconda delle emissioni del veicolo che si andrà ad acquistare.

In definitiva, i contributi seguiranno il seguente schema:

- auto nuove 0-20 g/km senza rottamazione: 4.000 euro Ecobonus Stato + 1.000 euro extrabonus Stato + 1.000 euro (+Iva) dealer;
- auto nuove 0-20 g/km con rottamazione: 6.000 euro Ecobonus Stato + 2.000 euro extrabonus Stato + 2.000 euro (+Iva) dealer;
- auto nuove 21-60 g/km senza rottamazione: 1.500 euro Ecobonus Stato + 1.000 euro extrabonus Stato + 1.000 euro (+Iva) dealer;
- auto nuove 21-60 g/km con rottamazione: 2.500 euro Ecobonus Stato + 2.000 euro extrabonus Stato + 2.000 euro (+Iva) dealer;
- auto nuove 61-135 g/km con rottamazione: 1.500 euro Stato + 2.000 euro (+Iva) dealer;
- auto usate 0-60 g/km con rottamazione: 2.000 euro;
- auto usate 61-90 g/km con rottamazione: 1.000 euro;
- auto usate 91-160 g/km con rottamazione: 750 euro.

Vieni a trovarci nei nostri store e scopri tutti gli incentivi auto a cui puoi avere accesso.

Ti aspettiamo nel pieno rispetto delle norme anti-Covid.

Seguici su Facebook.