Da oltre 40 anni, sempre in movimento.

Incentivi statali 2021, cosa sono e come si ottengono?

Sono ripartiti gli incentivi statali. A dare il via alle agevolazioni la legge di bilancio, contenente le norme che rimodulano e rifinanziano gli incentivi per l’acquisto di auto nuove.

Tra i tanti provvedimenti nel testo economico, quelli dedicati all’automotive ridefiniscono anche la logica dei bonus.

Operazione funzionale allo svecchiamento del parco auto circolante e necessaria in vista degli obiettivi europei di riduzione delle emissioni. Non solo, dunque, un eco-bonus destinato all’acquisto delle auto elettriche, ma gli incentivi vengono concessi anche a chi acquista veicoli:

  • Benzina;
  • Diesel;
  • Mild Hybrid;
  • Full Hybrid;
  • GPL;
  • Metano.

Gli incentivi vengono concessi sia con che senza rottamazione, a seconda delle fasce di emissioni.

490 milioni di fondi

Gli incentivi statali saranno così distribuiti:

  • 250 milioni di euro destinati al sostegno all’acquisto di vetture a benzina o diesel;
  • 120 milioni per i veicoli elettrici;
  • 120 milioni erano i fondi già previsti per le vetture ibride ricaricabili ed esclusivamente a batteria, previsti dalla Legge di Bilancio 2019.

Beneficia dei bonus chi acquista un veicolo M1 (omologato come autovettura) nuovo di fabbrica.

Diverse fasce di incentivi auto

L’importo dipende dalle emissioni di CO2 rilevate secondo il protocollo Wltp, che sono state suddivise in tre fasce non superiori a 135 grammi per chilometro percorso:

  • Prima fascia: emissione pari a 0-20 g/km.Questa fascia beneficia di 10.000 euro di Ecobonus (8.000 di incentivo statale più 2.440 di contributo dei concessionari) se si rottama un veicolo vecchio, oppure 6.000 euro (4.000 + 2.440) senza rottamazione. Bonus valido fino a esaurimento fondi.
  • Seconda fascia: compresa tra 21 e 60di CO2 al chilometro. Questa beneficia di 6.500 euro (4.500 + 2.440) di Ecobonus con rottamazione, oppure 3.500 (1.500 + 2.440) senza. Bonus valido fino a esaurimento fondi.
  • Terza fascia: va da 61 a 135 g/km. Per beneficiare dell’incentivo è tassativo rottamare una vecchia auto immatricolata prima del 1° gennaio 2011, in cambio si ricevono 3.500 euro (1.500 + 2.440). Bonus valido fino a giugno (o esaurimento fondi).

Incentivi statali, come ottenerli

Gli incentivi auto vengono erogati sotto forma di sconto sul prezzo dell’auto.

Non occorre seguire alcuna procedura particolare per ottenerli: se si ha diritto al bonus sarà il venditore a espletare l’iter burocratico da compiere.

L’ auto acquistata tramite incentivi statali può poi essere intestata sia a una persona fisica che a una società. È anche possibile usufruire della formula del leasing finanziario.

Inoltre, è possibile cointestare il veicolo anche a due proprietari.

Per quanto riguarda la rottamazione, per usufruire del bonus relativo, è necessario che il veicolo usato sia intestato da almeno 12 mesi all'acquirente o a uno dei familiari conviventi, e sia obbligatoriamente avviato alla demolizione.

Contattaci e scopri gli incentivi FCA.

Seguici su Facebook.